mercoledì 30 maggio 2012

Tre anni - Tri roky

Tutto cominciò all'alba di un sabato 30 maggio, di tre anni fà.
Dopo una notte insonne e tormentata, trascorsa tra il dubbio e l'incertezza di chi lascia una prigione dorata per un futuro incerto.
La prigione dorata era rappresentata dalla mia 'vita' ad Innsbruck, dove avevo trovato un lavoro ben pagato, in una città perfetta per vivere.
In precedenza ero andato via dall'italia, anzi da milano, senza grossi patemi.
Lasciavo si la famiglia d'origine, ma poc'altro.
Pochi amici fidati.
Ma sia per gli amici che per la famiglia, sapevo che la distanza non logora i rapporti.
Poi ero andato via da dublino, anche li, senza rimpianti, anzi felice per la decisione.
Andare via da Innsbruck per arrivare in rep ceca, invece ha rappresentato una svolta.
A 35 anni, lasciare un paese dove tutto funziona, con una natura bellissima ed un lavoro stabile, non è stato facile.
Eppure ha scelto il cuore.
Ad Innsbruck oltre al lavoro ed alle bellezze naturali non avevo altro.
Mi sentivo solo, i rapporti interpersonali erano praticamente a zero.

Feci in fretta le valigie, salii sul primo treno per la Rep Ceca, telefonai a lavoro e diedi le dimissioni in questo modo.

Aveva scelto il cuore.
A Brno ho trovato amici che mi hanno accolto a braccia aperte, in particolare David, ospitandomi a casa sua per i primi giorni.
Poi mi ha accolto la città, facendomi trovare un lavoro, ben pagato, dove sono stato rispettato, capito, apprezzato e premiato.
Infine l'amore, con una ragazza stupenda, Jana, che solo uno come me poteva far andare in malora (ma questa è un'altra storia!).

Cosa si potrebbe richiedere di più?
Niente.

Brno è stata la mia città, moje mesto, la mia casa, muj domov, come è anche scritto sulla mia pelle.

Dopo 8 anni che frequento Brno, che la conosco, che vengo e riparto, so che c'è qualcosa che mi lega a questo posto, dopo 3 anni continui trascorsi qui vado via, ma so che è un arrivederci.

La città sta cambiando, i nuovi barbari la stanno conquistando, forse in futuro tornerò e non mi piacerà più, perchè lo spirito 'Brnensko' si sta diradando.
Così è la vita, to je zivot.
Tutto cambia e, soprattutto di questi tempi, tutto si compra.
Non mi faccio illusioni, anche Brno, la mia Brno, cambierà e passerà completamente nelle mani di chi non riesco a sopportare, di chi voglio combattere.

In me rimarrà sempre il ricordo dei tempi migliori, delle serate tra amici nei pub fumosi della periferia, a giocare a freccette o al calcetto con gli omini di legno dipinti a mano, a bere una birra che era della città e non di una multinazionale olandese, a parlare di un calcio che era per i tifosi e non delle televisioni, il divertimento nelle discoteche dove, quando sapevano che c'era un italiano, il dj metteva su una canzone di celentano, delle ragazze che mi sorridevano per strada, degli autobus notturni pieni di gente allegra, delle gite nei paesini vicini con una vecchia skoda con tappezzeria leopardata, di persone appena conosciute, che mi portavano a casa, per far vedere ai parenti che un italiano viveva a Brno, dei gelati delle marche russe e dai gusti discutibili, dei negozietti che vendevano l'indispensabile, dei natali a scambiarsi regali tipo uno shampoo o la crema per radersi la barba, dei capodanni festeggiati in piccole case in enormi condomini, tanta gente e tanto alcool versato anche sulla moquette in sala, dell'ospitalità di tutti i cechi che ho conosciuto, del cibo genuino che mi è stato fatto assaggiare, delle sbronze tremende, della goliardia morava, dei freddi inverni interminabili e dalle dolci estati trascorse in riva ad un lago.

La mia cara Brno...

A presto! Uvidime se v Brzo!

9 commenti:

  1. buon viaggio ragazzo e buon cammino ovunque tu vada....

    RispondiElimina
  2. OSCURAPRESENZA1 giugno 2012 00:20

    NOI SIAMO IL NOSTRO CAMMINO.....BUON PROSEGUIMENTO!!!

    RispondiElimina
  3. Saluti da warsaw e dalla polonia altra vittima del circo del calcio moderno.
    Pedro

    RispondiElimina
  4. 20 anni fa quando lasciai Copenhagen non c'erano i blog ma se ne avessi avuto uno avrei scritto le stesse cose (un po' peggio a dire il vero)- Good Luck ovunque tu vada, Lux

    RispondiElimina
  5. Ciao Pedro,
    io ho 22 anni, sono stato sette mesi a Brno e ci ritornerò a febbraio per altri cinque. Io abito a Napoli, qui la tradizione vive ancora, ci sono ancora le antiche pizzerie, i fast food non restano aperti più di due anni, le signore appendono ancora i "panni" fuori ai balconi e la gente ancora canta per strada. I turisti sono numerosi ma non troppi, le voci di una Napoli pericolosa e sporca fanno il giro del mondo ma se questo aiuta a mantenere intatta la sua bellezza e a preservarla dal turismo di massa e dal consumismo incombente allora spero che queste voci restino per sempre. Io non ho potuto vivere la Brno che amavi, la Brno semplice, la Brno delle aziende familiari, la Brno dei moravi. Ho vissuto la Brno dei Kebab, la Brno dei McDonald's e dei Kfc, la Brno degli italioti e dei grandi magazzini ma per fortuna anche la Brno delle serate trascorse nei pub, la Brno del tatarak e dello smazeny syr, del burcak e la Brno degli studenti. Il tuo blog è forse il più bello in cui abbia mai "navigato", non solo perché condivido la passione per Brno e la Repubblica Ceca ma anche perché è scritto da un "viaggiatore" e non da un turista ma soprattutto da un uomo che ancora conserva quello spirito di libertà che tutti dovremmo avere.
    Na shled!

    RispondiElimina
  6. Pedro, Antonio...condivido pienamente i vostri pensieri...e vi capisco, perchè anche io sono un profondo conoscitore di Brno da oltre 10 anni...e anche io l'ho vista cambiare nei suoi aspetti, ma la base rimane...e lo affermo perchè non sono più solo un turista quando ci torno, ma in parte Ceco di adozione. Sono sposato con una ragazza di Brno e i miei figli ho voluto avessero la doppia cittadinanza e imparassero la lingua. Difficile spiegare a chi visita la Rep. ceca solo da turista superficiale. Già sta cambiando la città, ma la cultura, l'ospitalità, le persone rimangono e io mi ritrovo sempre a mio agio....
    Peraltro, Pedro, mi piace la tua scelta...io dopo aver girato tanti posti per lavoro e non, sono tornato alla base...nella mia Sardegna! Tanti difetti sì, ma con una qualità di vita e una passione che ripaga tutto. E poi, non so se siete daccordo, ma sembra paradossale: la nostra cultura del sud italia (estroversi, caciaroni e semplicità dello stile di vita) si adatta e comunque trova molte somiglianze alla cultura ceca...
    Qualche gg e andrò a bermi una PIVO anche per voi....
    Saluti
    Giovanni

    RispondiElimina
  7. leggo solo ora questi due interessantissimi commenti.
    scusate ma una nuova vita non mi ha permesso di dedicare molto tempo al blog ed alla mia amata Brno.

    In bocca al lupo a Giovanni e Antonio!

    RispondiElimina