giovedì 2 febbraio 2012

Riflessione su Barnard

Uno dei blog che seguo, con interesse ed attenzione, è quello di Paolo Barnard (lettere maiuscole).
Per chi non lo sapesse si tratta del Giornalista (G maiuscula) che ha iniziato il bellissimo progetto di Report, uno dei pochissimi programmi di informazione trasmesso in italia.
Ultimamente Barnard ha lanciato un'interessantissima proposta.
Per informare gli italiani sulla situazione economica, sui veri nemici del mondo, invitando 5 esperti e studiosi americani.
Progetto da lodare, il MMT, il modern money theory (che si terrà a rimini il 24, 25 e 26 febbraio), senza ombra di dubbio.

Però qualche dubbio me lo lascia lo sfogo di Barnard, a seguito della scarsa affluenza.
Lo sfogo è duro, durissimo!
Vi invito a leggerlo.

Ora, nel mio piccolo e da umile ignorante, vorrei provare ad analizzarlo, come fa lui, per blocchi.
-Blocco uno; l'idea e la 'risposta'
Mi stupisco che Barnard si stupisca (perdonatemi il gioco di parole) della scarsa adesione.
Intanto parla di numeri, di 'attivisti', considerando che chiunque visiti e lagga il suo sito sia disposto a seguirlo.
Mi pare un errore.
Anche io qui ho dei lettori, attivi e meno, ma non credo che tutti concordino con me o che sarebbero disposti a seguirmi.
La libertà sta anche solo nel leggere, informarsi, prendere notizie e poi ragionarci su.
Anche io, ripeto nel mio piccolissimo, ricevo dei feedback positivi, ma non mi aspetto che tutti vengano a Brno a trovarmi o anche solo a visitare la città.
Sicuramente l'idea di Barnard, come detto, è da lodare, ma nel mio caso non ho partecipato per varii motivi e non mi sento PER NIENTE in colpa.
Barnard è uno dei tanti e VALIDI che sta cercando di aprire gli occhi alla gente, sui rischi di questo sistema, ma io, ad esempio, non ne condivido molte idee.
Sicuramente non sarei disposto a seguire un 'summit', in italia che possa darmi qualche informazione in più.
Ma non per questo smetto di informarmi o di essere disponibile ad altre forme di lotta.
Quando facevo attivismo politico ho partecipato a manifestazioni, attacchinaggi, volantinaggi, raccolta firme.
Quando mi reputavo ultras sono andato alle partite, anche lontano da casa, alle manifestazioni, ho partecipato (e rischiato la mia libertà ed incolumità).
Quando si è trattato di manifestare il mio disappunto verso la situazione politica e sociale sono andato a genova, roma ed altri posti.


-Blocco due; l'organizzazione.
Ecco, qui vado in un campo delicato.
Non voglio assolutamente accusare Barnard, ma credo che nel 2012, pensare di organizzare un summit, motivare le persone e farle spostare per parteciparvi e poi lamentarsi della scarsa adesione sia un errore grossolano.
Intanto, Barnard ha VOLUTO che gli studiosi venissero di persona in italia, rinunciando ad altri impegni, in termini strettissimi.
Ecco, non ci avrei visto niente di male a seguirli in streaming, in una diretta mondiale.
Siamo nell'era del progresso, in fin dei conti, ma soprattutto dell'austerity...
Mettere 5 persone importanti su un aereo, per farli venire in italia a riempire un palazzetto, mi sa molto di un tour di una rock star.
Senza considerare i costi di tutto questo.
No, caro Barnard, qui qualche critica la devi accettare!
Non sto dicendo che l'idea sia errata, non voglio fare il disfattista o il critico a tutti i costi, ma usando un poco di buon senso si sarebbe avuto un risultato MOLTO migliore, disponibile a larghe masse di interessati ed a costi mantenuti.
Io alle manifestazioni, in strada ci posso anche andare, ma per assistere ad un summit, qualche pensiero su come spostarsi, dormire, mangiare, devo farmelo.
Soprattutto se so per certo che esiste la reale opportunità di parteciparvi da tutto il mondo, stando seduto a casa mia.
Lo scopo del summit è di informare o far trascorrere un weekend a rimini agli 'attivisti'? è quello di estendere a più persone possibili le corrette informazioni o solo a chi versa la quota di partecipazione?

-Blocco tre; spiegazione
Riporto fedelmente:
'Ora: li abbiamo, vengono qui, volano, arrivano, lavorano come bestie giorno e sera, e ripartono allo scadere del lavoro senza neppure farsi una passeggiata di ferie, senza prendere UN SOLDO, senza premi di prestigio, riconoscimenti politici, senza pubblicità dei media. E sono cinque giganti dell’economia internazionale. '.
Ecco, qui Barnard arriva a spiegare agli italiani il perchè delle sue scelte e come sopra, rimangono i miei (modesti) dubbi.
Mi pare eccessivo tutto questo spreco di tempo, lavoro, organizzazione per qualcosa che facilmente si sarebbe potuta ottenere con un click.

-Conclusione; gli italiani si devono vergognare.
Su questo posso essere d'accordo.
Dovrei vergognarmi io in prima persona per non aver partecipato, ma Barnard non considera alcuni aspetti.
Intanto che ognuno di noi ha un ruolo.
Lui è un ottimo Giornalista, che sta studiando per capire cosa c'è che non va in questo sistema e cosa si può e deve cambiare.
Io sono ignorante, non sono un giornalista, non conosco 5 economisti disposti a venire in italia per me, ma sarei disposto a capire di più ed a schierarmi anche attivamente.
Ma soprattutto (essendo ignorante) non credo che facendo i secchioni si cambi qualcosa.
Marx aveva previsto molto di quello che sta accadendo ora ma se non ha trovato qualcosa per motivare le masse a migliorare la nostra stessa situazione, ha fallito, comunque.
Io sono la massa, sono disponibile a scendere in piazza, perchè SOLO questo so fare.
Alzare la testa, informarmi, cercare di convincere altri miei simili.
Posso individuare il problema e non cadere nell'errore di trovare facili target.
Come fanno i razzisti, ad esempio, che danno la colpa di tutto agli immigrati 'che ci tolgono il posto di lavoro' o chi va a votare 'perchè il partito x è meglio di y, l'onorevole z è meglio di w'...
Ma rimango massa, persona senza speciali capacità.
Un'economista è diverso da me, io non voglio essere un'economista.

Le elitè sono quelle che danno l'ordine, fanno scoccare la scintilla.
Se ci fosse un'emergenza medica, diciamo un'epidemia ed un medico mi chiedesse di partecipare ad un summit per capirne di più e per poterlo aiutare ad operare sulle persone malate, bhè, onestamente, gli direi di rivolgersi a qualche altro suo collega, non a me.
Io sarei contento di essere informato dei rischi dell'epidemia, sul come proteggersi.
Sarei contento di offrire le miei braccia per trasportare i malati, ma ai dottori rimane ancora il compito di operare.
Ai giornalisti di informare.
Ai muratori di costruire case.
Al popolo di capire.
A chi ha le palle di scendere in piazza e protestare.

23 commenti:

  1. Barnard definisce gli italiani (minuscolo) merdaioli. Non credo faccia una grinza.
    Popolo patetico, senza spina dorsale, il cui unico interesse per 2 generazioni e' stato quello di avere le scarpine alla moda e magari vantarsi all'estero del suo essere avanti :perche' le scarpine sono alla moda ed e' quello che conta.
    Ora che sono sotto attacco, continuano a credere che il problema sia berlusconi (minuscolo)

    Ah se solo BArnard desse un'occhiata alla blogosfera per capire che livello di merdaioli siamo diventati.

    Comunque le tue critiche sono molto sensate. Dico io, ma farla in streaming?
    Ha lasciato perplesso anche me.

    RispondiElimina
  2. Per chiarire, non sono contro l'idea di Barnard.
    La mia critica è alla sua reazione per il mancato numerodi partecipanti.

    Per quanto riguarda gli italiani, il mondo sa di che pasta 'siamo' fatti.
    Pizza, moda, auto sportive e bunga-bunga.
    Per fortuna ci sono anche molte eccellenti eccezioni.

    Prima eravamo santi, poeti e navigatori e gli ultimi fatti dell'isola del giglio hanno cancellato anche questa vecchia visione.

    RispondiElimina
  3. Poche eccelelnti eccezioni. Poche.

    RispondiElimina
  4. immagino l'avrai già letto:
    http://www.corriere.it/esteri/12_febbraio_02/irlanda-bolla-immobiliare-irlanda_3b1de08a-4d9d-11e1-bd39-8bec83f04289.shtml

    la situazione in irlanda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, l'ho postato su Facebook, ma noi sapevamo questo gia' da un anno. Corriere arriva tardi.
      Le case continuano a scendere.
      Nel 2009 cercai di convincere un conoscente italiano a non comprare perche' la bolla ancora doveva sgonfiarsi. Non mi ascolto' ed da allora la casa ha perso il 35 % ufficialmente.
      Rispetto al picco del 2007 il 52%, ufficialmente. Ma ufficiosamente siamo ad oltre il 60%
      Gli appartamenti il 62 % circa, sempre ufficialmente

      Per chi non si e' fatto fregare dalle banche e dal prestito facile la situazione e' ottima.
      Purtroppo ho colleghi che hanno speso 400/500 mila euro per case che ora ne valgono la meta' ed anche meno.

      Considera che se vai su daft.ie il prezzo richiesto e' sempre molto lontano da quello poi realmente pattuito. Puoi tranquillamente chieder eil 25/30% in meno.

      Veniamo ad un esempio pratico.
      Questi appartamenti qui li vendevano a 400k.

      http://www.daft.ie/searchsale.daft?id=633776

      Ora se chiami ed offri 150 ti dicono di accomodarti.

      Bisogna usare cervello nella vita' La responsabilita' di indebitarsi per 40 anni per case che valgono poco e' solo tua. Piangere al governo ladro serve a poco.
      Veramente dei cazzoni. Non provo pieta' per loro.
      Ho colleghi senior manager (con stipendi che superano i 100k) che non riescono ad arrivare a fine mese a causa di muti da 2500 euro. Ma come si puo' essere stati cosi' avari?

      Personalmente approfittero' di tutto questo.

      Elimina
  5. Pedro, permettimi di passarti questa: apprezzerai.

    http://www.keinpfusch.net/2012/02/amori-che-finiscono.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Uriel_life+%28WOLFSTEP%29&utm_content=Google+Reader

    RispondiElimina
  6. grazie ;)
    apprezzo perchè è in linea con il mio pensiero.
    se ti ricordi ne discutemmo appena il 'dittatore' pedofilo venne destituito, tra i festeggiamenti dei coraggiosi italioti, da un VERO dittatore.
    Che però è 'sobrio', 'brava persona', 'tecnico' e quindi va bene, sta facendo bene...
    Gli italiani meritano di essere sterminati.
    Un popolo inutile!

    Escluse delle rare ma ottime persone.

    Io invece ti segnalo il post di 'cloro al clero', sull'ungheria
    http://www.cloroalclero.com/?p=9357

    sembrerebbe che i miei dubbi erano fondati... ;)
    Si sta creando un nuovo mostro ed un nuovo nemico senza dire i veri motivi...

    leggilo potrebbe interessarti!

    RispondiElimina
  7. Buono a sapersi. Altro popolo che ha piu' palle dei merdaioli.
    Hanno votato uno che si e' messo contro il dominio tedesco in Europa e lo stanno massacrando sui media dandogli del filonazista.
    Un po' cmoe stanno facendo con Farage (che non stimo) in Inghilterra.

    Detto questo, ti faccio un esempio tra irlandesi ed italiani.

    Irlanda in crisi, si chiede pubblicamente la testa del governo che si dimette. Alle elezioni il governo scende da 84 seggi a 19(stesso numero dello Sinn Fein). IL primo ministro si ritira a vita privata ed una marea di ministri e parlamentari lasciano la politica.

    Sul fronte della societa', qui sono in pochi a prendersela solo con i banchieri ed i politici.
    La maggior parte della gente biasima se stessa per essersi fatta fregare e per essere stata troppo avara. Gli irlandesi biasimano innanzitutto loro stessi e ci vanno giu' pesante.

    Non c'e' stata nessuna piazzale Loreto: elezioni e presa di responsabilita' della societa', della gente.

    Poi c'e' il rapporto con l'IMF, mai voluto ma che alla fine si sta comportando meglio dell'EU, per motivi un po' complessi da spiegare qui

    RispondiElimina
  8. Leggo solo ora questo post molto interessante (nonchè i links, anche'essi molto interessanti, specialmente quello su Orban e l'Ungheria, che avete lasciato sia tu, Pedro, sia Bacco).

    Che dire: non mi stupisco più di tanto della reazione di Barnard. Non è certo uno che si fa problemi a dire le cose che sostiene in modo diretto e nel tempo si sta sempre più arroccando, a mio avviso, su posizioni del tipo "o con me o contro di me".

    Immagino che ciò sia dovuto sia alle sue esperienze personali sia alla materia che studia sia agli eventi contemporanei.

    Quindi il suo post incazzato sulla scarsa adesione al summit non mi ha stupito più di tanto, dal punto di vista dei toni usati.

    E' dura credere fortemente in qualcosa, sbattersi, studiare, frequentare persone che la pensano come te e poi notare che hai avuto per mesi/anni una percezione distorta delle realtà. Una realtà che non è fatta da persone che la pensano come te, ma da milioni che la pensano diversamente, o, ancor peggio, non pensano affatto.

    Forse l'evento si sarebbe potuto organizzare diversamente (streaming, come già avete suggerito voi, ad esempio), ma è facile dirlo adesso, a posteriori.

    Barnard ha avuto il merito di cercare di organizzare un evento non certo facile da gestire e la cosa gli è andata male: trovo la sua incazzatura estremamente umana.

    Un saluto.

    RispondiElimina
  9. Marco, non ho criticato la voglia di Barnard di creare qualcosa ma la sua critica a chi non ha aderito.
    Come se solo partecipando al suo sumit ci si possa 'fregiare' del titolo di 'attivisti', 'gente seria'.
    Questo suo dire, o con me o non siete nessuno non porta a niente.
    Come mai c'è tanta gente che partecipa al no-tav? come mai ci sono i pastori sardi? i forconi?
    Ecco, forse avrebbe potuto unire ulteriormente le forme di protesta, che pure in un paese di merda come l'italia, fatto da gente di merda (da cui bacco ha coniato il termine merdaioli), esiste.
    Non voglio ulteriormente disregare e levare credito a chi si oppone.
    Per me rimane Barnard un punto di riferimento, come CHIUNQUE lotti.
    non faccio come quei pagliacci che giocano a fare i rivoluzionari, gli 'anti' questo e 'anti' quest'altro, che contribuisono solo al 'dividi et impera'.

    Sarei stato per un uniti contro chi impera, ma questa lezione è dura da imparare (anche per me talvolta)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho capito quel che volevi dire e lo condivido.

      Barnard ha il suo carattere e certo non si può dire che sia una persone con la quale sia facile averci a che fare.

      Purtroppo si sta sempre più "incattivendo" e questo non lo porterà, secondo me, che ad essere sempre più solo, a prescindere dalla validità di certi suoi ragionamenti (che spesso condivido).

      Elimina
  10. @pedro
    Tornando al link di prima (ho gia' espresso il mio essere in totale accordo con il tuo articolo) ieri leggevo che hanno chiuso la compagnia di bandiera ungherese. Non ci sono soldi.
    Mi sa che dietro c'e' anche una crisi economica forte.

    RispondiElimina
  11. le compagnie aeree fanno storia un po' a se, soprattutto in questo momento dove si parla di liberalizzare anche le mutande.
    Non nego che ci sia crisi (non so quanto forte), si parlava della crisi dell'ungheria da almeno 5-6 anni (guarda caso c'era un governo socialista, se non ricordo male...) ma la situazione politica di oggi attira più attenzioni di prima.

    RispondiElimina
  12. Beh vero, in realta' ha chiuso anche spanair (la ryanair spagnola)

    RispondiElimina
  13. Inoltre marco e bacco, spiegatemi come potrei essere d'accordo con Barnard su una cosa fondamentale che vuole spiegare al summit.
    Secondo Barnard l'ungheria sta in una botte di ferro, sana come un pesce, visto che ha la sua moneta sovrana.
    Anche gli u$a, i milioni di disoccupati vivono benissimo grazie all'orgoglio per il loro dollaro sovrano e la federal reserve.
    Le famiglie in bancarotta per la bolla immobiliare sorridono pensando a cme ce la passiamo male noi.

    Non è così? non è questo che andrà spiegato al summit?
    I poveri al mondo siamo solo noi italiani perchè abbiamo l'€.
    tutti gli altri stanno bene...

    Io questo ho capito e per questo non ci vado, non sono d'accordo.

    Ma siano benedetti Barnard e tutti quelli che ci informano veramente! (e non è umorismo!)

    RispondiElimina
  14. BEh, poteva essere una domanda interessante da porgli. Io ancora non mi spiego perche' non la fa in videoconferenza.

    Paghi un canale per abilitari 100.000 persone solo per una settimana. Spendi qualche migliaio di euro ed hai risolto.

    RispondiElimina
  15. probabilmente perchè pur avendo moneta sovrana......hanno "fatto debito" non per politiche espansive ma solo ed esclusivamente per parare il culo alle banche. La moneta creata (cosa che noi non possiamo fare perchè non possiamo emettere più moneta) ha avuto un ruolo solo "speculativo" e non ha avviato dinamiche di creazione di ricchezza. Fare un debito per pagarne uno vecchio o per speculare nei mercati finanziari è diverso che farne uno per aprire un'attività (che dovrebbe produrre ricchezza per te, per i fornitori, per i dipendenti, ecc) o per investire.......che ne sò......valorizzando risorse o settori che potrebbero essere produttivi o esserlo maggiormente (scavi di pompei ad esempio). Tutto questo riflettendo su quanto credo d'aver capito informandomi su quanto dice barnard ma non solo, sempre considerando che sicuramente non è un'analisi tecnicamente corretta perchè fatta, come dici spesso, da ignoranti.....come noi! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so per cosa si sono indebitati ma le speculazioni credo le abbiano fatte molte nazioni, più grosse, cina e u$a su tutte eppure, stando al teorema moneta sovrana:no problem, anche in ungheria dovrebbero dormire sogni quieti.
      Ricordo che Barnard ha anche difeso merdusconi, secondo lui anche se al governo ci fosse stato scemo&più scemo, con la vecchia lira l'italia sarebbe al riparo da tutto, che l'inflazione è positiva...
      Non so, qualche dubbio mi resta.
      Peccato che Barnard spiegherà solo a 200 eletti il sistema come salvare il mondo.

      Elimina
  16. Pedro, sempre in tema, piu' o meno. Cazzo mi ha sconvolto:

    http://www.youtube.com/watch?v=rW4JizHygLM&feature=related

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già...
      ma almeno i greci sono in strada, quasi ogni giorno.
      la gente è incazzata veramente e sono un popolo guerriero, qualcosa succederà.

      Elimina
  17. SONO IN STRADA DA TANTO MA LA SITUAZIONE NON FA CHE PEGGIORARE. TEMO CHE SE QUELLI "ARMATI E ORGANIZZATI" NON DECIDERANNO DI FARSI DA PARTE O CAMBIARE LATO DELLA BARRICATA.....NON ACCADRA' NULLA DI POSITIVO PER IL POPOLO.

    RispondiElimina