giovedì 9 giugno 2011

Europa, la nostra piccola casa

Allora, succede che due anni fa circa, lascio dublino per andare ad innsbruck a lavorare per una società italiana che rivela tutto il peggio che la nuova 'cultura' economica italiana puo' mostrare, scappo (letteralmente) via e raggiungo la rep ceca, vivo 1 mese ospite di un caro amico ceco, nella piccola ma accogliente trebic, trovo un lavoro a Brno ed il resto lo sapete già (per quei pochi che leggono il blog).
Quello che non sapete è che tra una chiacchiera mentre si beve un caffè in ufficio, conosco una ragazza che mi chiede se cerco qualcuno con cui condividere casa, lei ha un ragazzo irlandese, anzi dublinese, anzi un northsider (per chi ha visto 'the commitments': Do you not get it, lads? The Irish are the blacks of Europe. And Dubliners are the blacks of Ireland. And the Northside Dubliners are the blacks of Dublin. So say it once, say it loud: I'm black and I'm proud.)

Le nostre esisgenze non coincidono e lei trova un'altra sistemazione.
I giorni passano, ci ritroviamo dopo tanti mesi a bere sempre il solito caffè solubile, sempre nella stessa cucina aziendale, per la pausa, mi racconta che andrà a vivere a dublino, con il ragazzo, che è un musicista.
Interessante.
Mi piace la musica e mi piace(va) la musica irlandese prima che i fottuti youtwo, cracberries e altra robaccia del genere la demolissero.
Le chiedo di farmi ascoltare qualcosa e....
Ci potete credere??????????
Li avevo ascoltati già, dal vivo, quando nel 1992 (ecco un loro video) andai in vacanza a dublino!
Che coincidenze!
Loro erano appena nati e suonavano nelle strade della vecchia temple bar che non era la sputtanatissima/commerciale via satura di turisti felici di fotografare i pub e visitare la 'bellissima' fabrica delle guinne$$, trippone irish che strillano dalle limousine per cercare di catturare l'attenzione di qualcuno per la loro miserabile esistenza...
Temple bar allora era buia, alternativa ed anche poco raccomandabile, visto che mentre ero fuori il brazen head (al tempo 'centro' della movida dublinese...) con un ragazzo romano, gli scipparono il portafogli, e posso dire che allora di italiani e napoletani, facili da accusare in questi casi, ce ne erano ben pochi.
Ma dublino era affascinante anche per questo.

L'europa sarebbe un bellissimo posto dove vivere, se ci fossero piu' musicisti come i 'pale', che lasciano la florida irlanda (di qualche anno fa) per trasferirsi nella povera cechia, a vivere e suonare per piccoli festival (video girato a namest nad oslavou, una 50ina di km da brno).
L'europa sarebbe un bellissimo posto dove vivere, se ci fossero piu' persone come Lada ed il suo ragazzo, felicemente insieme, liberi di vivere dove vogliono, senza barriere, senza bandiere.
Peccato che il concetto di europa unita si limiti ad un simbolo economico, €, ad un probabile esercito e polizia comunitario, ad un simbolo politico inutile e costoso, il parlamento di bruxelles, al trattato di lisbona, alle ottuse leggi comunitarie che tendono a eliminare le individualità ed ad omologare le diversità.

17 commenti:

  1. Nella mia breve esperienza all'estero di 5 anni di cui:

    1 anno in romania
    4 in Irlanda di cui:
    3 mesi in kenya.
    6 mesi negli states
    1 mesetto in UK

    ti posso dire che il modello economico/sociale si sta appiattendo, cioe' quello che dici tu e' vero.

    In Irlanda esiste sempre e comunque l'underground, che purtroppo mi par di capire non hai frequentato nel tuo anno a Dublino. un vero peccato, sinceramente.

    Temple bar e' il peggio di dublino. A me causa depressione ed infatti ci sono ripassato 1 mese fa dopo circa un anno.
    E' in assoluto il posto piu' brutto d'Irlanda ed e' assolutamente come tu lo hai descritto.
    Sporco, schifoso, non capisco cosa ci trovino i turisti. Per non parlare della fabbrica della Guinness.
    Birra che comunque mi piace anche eprche' sonos empre stato, sin da ragazzo, un amante delle stout e delle ale. Le bionde le lascioa lle femminucce.

    Tempo fa top gun venne a visitare Dublino e gli consigliammo io ed una sua amica che vive qui percorsi non turistici.
    Il suo giudizio lo scrisse sul blog.

    Saluti

    RispondiElimina
  2. avevo già letto delle località 'turistiche', di Temple Bar, ecc ecc ... ma questa mi mancava :

    "trippone irish che strillano dalle limousine per cercare di catturare l'attenzione di qualcuno per la loro miserabile esistenza.."

    cioè ... a Dublino ci sono le trippone che girano in limousine con i finestrini abbassati per strillare alla gente a piedi ???
    :-)

    Andrea

    RispondiElimina
  3. @Zax c'erano :D adesso quella pacchia temo sia finita.

    @Bacco confermo.

    State sempre attenti alle zone che frequentate (una regola di buon senso che vale per tutte le città del mondo) e lasciate i percorsi scritti sulle guide, che non sono da buttare ma sono solo un inizio.
    I gusti ovviamente sono soggettivi, però come qualcuno ricorderà, a Napoli c'è un angolino "sgarrupato" per esempio, in una piazza anche storica, che nessuno apprezza perché NON E' NOTO e tanti se lo perdono, come molti altri angoli che non sono conosciuti nemmeno a chi ci vive figuriamoci alle guide.

    E questi angoli ci sono ovunque, anche in Irlanda.
    Temple Bar è una cartolina, poi ci sono altre cose.


    Per quanto riguarda il post di Pedro, ho una sola cosa da ridire.
    Tutto giusto, a parte (mia opinione) la "rigidità" del giudizio.
    E' bello partire da zero(suppongo non ho esperienza diretta :P ) e diventare ricco e famoso come gli U2 o i Cranberries e magari è bello vivere un tono sotto, senza avere il denaro come riferimento ed il successo planetario come The Pale e suonare per piccoli festival per magari poi sedersi a bere birra con chi 3 minuti prima ti applaudiva e ti ascoltava dall'altra parte del palco.

    Ognuno si scelga il suo cammino e non detti la strada agli altri.
    Altrimenti si incorre nello stesso errore dell'Europa unita solo da questo simbolo €, da un probabile esercito e forze di polizia comunitarie, dalla bandiera blu a stelle gialle, dal parlamento (tre sedi se non erro) da un trattato e da tutte quelle cose che tendono ad eliminare l'individualità ed ad omologare le diversità.

    Sennò che facciamo? ci mordiamo la coda?

    Buona vita a tutti.

    RispondiElimina
  4. @bacco: nel 1992, sara' che ero piu' giovane e volevo scoprire quella nazione che tanto amavo, la trascorsi con un gruppo di ragazzi, della mia eta', del northside e mi divertii un casino!
    certo era piu' facile, quando si è giovani basta un pallone o un t-shirt per far scattare una chiacchiera, poi frequentavo un corso di lingua, quindi si fa prima a fare amicizia.
    quando ritornai a dublin l'atmosfera era cambiata.
    rimane sempre facile scambiare due parole con un irish, in un pub, la maggiorparte rimane simpatica, disponibile, amabile, ma la cosa si concluede li.
    un amico serbo che dopo dublin è andato ad athlone, che lavora per quella società che conosci che inizia per eric e finisce per son, sta iniziando ora a frequentare qualcuno...
    ti dico che è venuto a trovarmi qui a brno almeno 3 volte per sfuggire alla solitudine, perfino a natale e pasqua è venuto qui!
    se non si conosce gente del posto difficilmente qualche dritta si impara e si perdono ottime occasioni per scoprire i posti migliori ;)

    @andrea: le limousine sono squallidissime mega auto che si affittano ed erano molto in voga durante i fine settimana.
    vengono scorazzate per le strade della città e soprattutto le vedi nel centro, annunciano la presenza questi squittii e urla isteriche degli occupanti (se di sesso femminile, in norma le irish dopo i venti anni diventano trippone).

    comunque per intenderci è qualcosa del genere:
    http://www.youtube.com/watch?v=fj2TmzDzA2c&feature=related


    ps: ad essere onesto ho visto con TERRORE la stessa cosa anche a Brno...come dice bacco, il modello sociale ormai è piatto ed uguale ovunque! :(

    RispondiElimina
  5. @top gun: il riferimento a iutiu e cranberrie è voluto per alcuni motivi.
    intanto rappresentano il declino del valore musicale e sociale.
    perchè musica e sociale vanno di pari passo.
    dublino era una delle capitali della musica, cosi' come Napoli ha avuto un ottimo fervore artistico negli anni 80 e inizio 90.

    poi la decadenza per entrambe a cui ha fatto da parallelo anche l'aspetto sociale.
    se non c'è rabbia (in senso buono), fanstasia, arte e gente del popolo non creano niente di buono.

    gli iutiu poi sono responsabili anche materialmente, per le loro mancate tasse e le truffe ai danni del paese che dicevano di amare ed ho letto che qualcuno gli ricorderà che hanno un grosso debito con l'irlanda ai loro prossimi concerti.

    insomma a predicare bene (pace, aiuti economici ai piu' deboli) sono tutti bravi, ma poi si razzola male...

    Il confronto con 'the pale' è azzeccato.
    Vengono invitati ad un piccolo festival di un paesino della sperduta rep ceca, non essendo 'cool' ci vanno, suonano e si divertono.
    il cantante dopo il concerto si beve una birra con la mia collega, Lada (che faceva parte dell'organizzazione) e...
    Stanno insieme, credo da 7 anni.
    Lui è venuto a vivere qui, ora lei va da lui.

    Questa è la gente che vorrei in europa.
    - bono + 'the pale' e lada

    vai tranquillo che sarebbe un posto piu' bello da vivere!

    RispondiElimina
  6. non dico di no, forse sarebbe un posto più bello da vivere, chi sa.

    Ma io sottolineo che non ho detto meglio il modello uduico oppure meglio quello dei the pale.

    Ho detto, ed il fulcro di tutto il mio papiello è questo, che l'errore è cercare di chiudere il "meglio, lo stile di vita ottimo" in un modello rigido andando oltre poi i personaggi in questione se gli U2 sono ricchi e stronzi e non pagano le tasse o se i Pale hanno capito il vero senso della vita.

    My 2 cents, €urocents of course :P

    RispondiElimina
  7. sono io che non sto capendo il senso del discorso ma secondo me, dovremmo essere capaci di definire dei modelli buoni e non buoni.
    chiaramente secondo il nostro metro di giudizio.

    certo ci può essere la via di mezzo, ma a grandi linee preferisco sempre scindere raggruppare in due macrosistemi.
    buono-cattivo
    ricco-povero
    stronzo-bravo
    stupido-intelligente
    ...

    anche per me...my 2 cents ;)

    RispondiElimina
  8. Hai colto il punto invece, ognuno ha i suoi 2 cents :)

    RispondiElimina
  9. In generale sono d'accordo su tutto.

    Riguardo athlone. Beh, all'estero, quando si emigra, la solitudine e' il problema n. 1.
    Quando ero in Romania non sono mai stato da solo, per vari motivi. Avevamo lo stesso livello d'inglese e c'era maggiore curiosita' verso lo straniero occidentale. Credo los tesso valga per Brno.
    Qui a DUb mi sono fatto i primi 3 anni tra stranieri e pochi irlandesi. ora e' discretamente bilanciata la cosa.
    Ma io non faccio testo. Mediamente non sopporto di vedere nessuno e mi stanco facilmente delle persone.
    Troppi pensierini.......

    Comunque sono pochi i paesi in cui ho sentito italiani integrarsi bene.
    Tu in Rep Ceca.
    Vinz in belgio parlava di serie difficolta' e di una chiusura forte dei belgi. Anche in Spagna scrisse che le cose non erano andate meglio.
    Mio cugino non si e' mai ambientato a Barcelona e come ti dissi cadde in depressione (anche per motivi economici, non riusciva amantenere la sua famiglia).
    Ho invece altri amici che in spagna sono dentro al 100%. Decine di amici, vita sociale ed eventi. Addirittura testimoni di nozze, padrini di battesimi, ecc.

    Non so trovare la formula giusta. Ad esempio a Cork ho conosciuto gente felicissima di stare li' ed altri che ci avrebbero buttato una bomba .

    Ho pero' la personale sensazione che paesi piu' poveri o meditarranei abbiano piu' curiosita' verso lo straniero. Certo se pensiamo anoi come trattiamo polacchi e rumeni la mia teoria andrebbe a farsi benedire.....

    In generale comunque a Dublino ed in Irlanda la solitudine si puo' far sentire forte ed e' veramente difficile fare amicizie vere tra i locali.
    Ed e' questo il motivo che ti ha fatto lasciare il paese.
    Sugli altri pensierini, li puoi raccontare aglia ltri, ma non a te stesso.

    Certo il limite della lingua a Brno e' enorme e sinceramente io non reggerei.
    Ho bisogno di capire cio' che mi sta intorno....
    Saluti!

    P.S. Di al tuo amico che forse la sua avventura irlandese e meglio terminarla qui...

    RispondiElimina
  10. Sui Commitments, linko una puntata di Bloomast.

    RispondiElimina
  11. bacco, intanto mi hai deluso, non hai colto la mia provocazione sulle ragazze irish! :)
    riguardo l'integrazione, posso dirti che i problemi piu' grandi li ho avuti ad integrarmi nel nord italia.
    a dublin tra tanti stranieri, immigrati è facile fare amicizie, anche se lo è meno con gli irish.
    Ma posso anche capire che si possano essere abituati all'incredibile turnover di persone.
    Facendo il paragone con la mia prima esperienza, immagino che negli anni 90, erano piu' curiosi a conoscere gente che visitava la loro terra, che mostrava rispetto per le loro idee di libertà ed indipendenza dagli uk...
    Ricordo che andai via con regali, piccole cose, proprio perchè mi sentivano vicino a loro, ricevetti una vecchia maglietta (anche in non ottime condizioni...) che ritraeva sir jack charlton, l'eroe della spedizione ad italia90.
    Per me fu un regalo apprezzatissimo, perchè fatto col cuore.
    La dublino che si vede anche in the committment puoi confermarmi che è diversa da quella della celtic tiger.
    Era veramente 'nera', quasi mediterranea, piu' vicina a Napoli che ad una città del nord europa, che per un decennio è stata al top delle 'classifiche' di qualità (sulla bontà di tali classifiche, si è già discusso...).

    Per questo dicevo, se noi europei tornassimo ad avere un'anima, quella originale e non globalizzata, saremmo o potremmo essere un popolo migliore.
    Rimango nella mia idea che eu unita sia un bel progetto, se non si limita ai discorsi economico, politico, militare...

    Unità, solidarietà, tolleranza e rispetto per le diversità pur accetandone l'integrazione.

    con i precedenti 2 cents ora fanno 4 ;)

    RispondiElimina
  12. Pedro se appari un altro cent, ti diamo il sacchetto di plastica biodegradabile.

    RispondiElimina
  13. cmq.

    Arrestano Vladic.
    Ins erbia c'e' una manifestazione a suo favore.
    La questione sul nucleare.
    L'ennesimo scandalo scommesse nel calcio con la marcia degli Ultras atalantini.
    E pedro ci parla delle grassone irish di temple bar.
    poi uno si chiede perche' non legge piu' i blog.
    Vediamo se riesci a scrivere qualcosa di interessante.
    Mi aspettavo molto da te visti gli ultimi eventi!

    RispondiElimina
  14. bacco, la risposta è nel ultimo post che ho appena pubblicato.
    Mi sto CONCENTRANDO su altri interessi, sto facendo un esperimento che ritengo molto importante, la cavia sono io stesso ed il mio corpo.
    Spero possa funzionare perchè sarebbe 'rivoluzionario', ecologico, economico, condivisibile da tutti...a tra qualche giorno per l'aggiornamento (preciso che non sto scoprendo niente, ma solo testando sulla mia persona per poterne parlare con cognizione di causa).

    Per quanto da te citato:
    -Vladic è stato un fottuto generale e criminale di guerra, come OGNI soldato e generale di qualsiasi nazione durante ogni singola 'operazione di pace o guerra' che sia.
    -I serbi difendono loro stessi già molto bene, non hanno bisogno di me e delle mie parole
    -nucleare, sono contro ma in rep ceca lo uso, credo sia stupido che in francia e germania ci siano centrali e poi si parli di non farle in italia per paura di un incidente.
    -sul referendum, non sarei andato a votare, sono INUTILI! come le elezioni politiche.
    -scandalo scommesse, ho lavorato 2 anni per un bookmakers, se parlassi mi verrebbero a prendere nella notte ed il blog finirebbe, rimango per non privare la società di questo immenso bene :)
    -protesta degli atalantini, la vergogna è che ieri sera c'era la diretta su corriere.it peccato, ennesima dimostrazione che il fanatismo non fa vedere le cose come realmente stanno.
    finirà che accuseranno tutto e tutti e visto che 'mal comune mezzo gaudio' le pene saranno meno severe del giusto.

    aggiungo solo 1 cent, cosi' ci accattiamo la busta consigliata da top gun (è bio?) :D

    RispondiElimina
  15. fatta con la cacca di quando vi mando cagare!
    :D

    buon esperimento comunque. cerca di non sperimentare troppo.
    Non vorrei ti ficcassi qualcosa tra le chiappe a forza di sperimentare! :D

    RispondiElimina
  16. a proposito di bloomcast e dei Commitments: lo sapete che con quella vostra puntata mi avete fatto 'rivalutare' il film in questione ? avevo sempre notato l'aspetto 'musicale', non avevo mai notato 'veramente' le case, le strade, e la miseria (perchè di quello si tratta) che fa da sfondo a quel film ...

    Andrea
    PS: Bacco ... stai scrivendo ancora sul tuo blog ?

    RispondiElimina